Pacino: online il video del primo singolo “Out Of The Cage”

Sneakout Records & Burning Minds Music Group sono lieti di annunciare che il video di “Out Of The Cage“, primo singolo estratto dal debut album degli alternative rocker Pacino, “Fallen America“, è ora online.

Fallen America” è previsto per il rilascio il prossimo 1 Giugno 2018 via Sneakout Records / Burning Minds Music Group.

Ordina la tua copia ora: https://www.rocktemple.it/shop/4089/Pacino-Fallen%20America-

“Fallen America” tracklist:

01. Fallen America

02. Lately

03. Lifestyle

04. Desert Trip

05. Out Of The Cage

06. Iknusa

07. The Misanthrope

08. Under My Feet

Line-up:

Mattia Briggi: Voce

Francesco Bozzato: Chitarra

Bruno Zocca: Tastiere, Synth 

Douglas D’Este: Batteria

Playlist sabato 19 maggio 2018 – 827

 

Interview with Mauro Furlan (Classix/Classix Metal Magazines)
RF (singer, Afraid Of Destiny)
Warm-up
From: Silohuettes & Statues – a gothic revolution 1978 – 1986
Balaam And The Angel: Darklands (from: She knows EP/Virgin Records)
The March Violets: Crow baby (from: Rebirth 7”/Rebirth Rcords/Jungle Records)
1919: Caged (from: Caged 7”/Red Rhino Records)
Gene Loves Jezebel: Screaming for Emmalene (from: Promise/Situation Two/Beggars Banquet)
Rubella Ballet: Twister (from: At last its playtime/Ubiquitous Records)
The latest news – Albums
Afraid Of Destiny: Agony (Razed Soul Production)
Bunuel: The easy way (La Tempesta International/Goodfellas)
The lastes news – Singles
LUMP: Curse of the contemporary (from: LUMP/Dead Oceans/Goodfellas)
Wooden Shjips: Red line (from: V/Thrill Jockey/Goodfellas)
Playlist and interview
My Dying Bride: The angel and the dark river (from: Anti-diluvian chronicles/Peaceville Records)
Black Sabbath: The wizard (from: The end – The angelic sessions/BS Productions/Eagle Rock Entertainment)
Motorpsycho: Bartok of the Universe (from: The tower/Stickman Records/Psychobabble)
LUMP: Curse of the contemporary (from: LUMP/Dead Oceans/Goodfellas)

Afraid Of Destiny: Into the darkness/Hatred towards myself (from: Agony/Razed Soul Productions)
Bunuel: Happy hour (from: The easy way out/La Tempesta International)

Kayak: God on our side (from: Seventeen/InsideOut/Sony Music)
Mystery: If you see her (from: Second home – Live at ProgDreams V/Unicorn Digital)
Wooden Shjips: Red line (from: V/Thrill Jockey)
Afraid Of Destiny: Rain, scars, and the climb (from: Agony/Razed Soul Productions)
Cecilia Amici: Hello, I love you (from: Bluviola/Tide Records)
Emerson, Lake & Palmer: From the beginning (from: Trilogy/Atlantic Recording C.)

Artisti AFM Records on tour

  Armored Dawn 15.04.18 Sao Paulo (Brazil) – Folk Fair 2018 28.04.18 Recife (Brazil) – Abril Pro Rock 29.04.18 Sao Leopoldo (Brazil) – Thorhammerfest 01.05.18 Sao Paulo (Brazil) – Thorhammerfest 03.05.18 Sao Paulo (Brazil) – Tropical Butanta Asenblut 30.04.18 Leipzig (DE) – Hellraiser 12.05.18 Gelsenkirchen (DE) – Rocklobby 23.08.18 Crispendorf (DE) – Wolfszeit Festival Bonfire […]

Hadeon: Sunrise

Questa galleria contiene 1 immagine.

  Artista: Hadeon Titolo: Sunrise Etichetta: Auto-produzione Promozione: The Rock Buzz Promotion Formato: CD Data di pubblicazione. 2 dicembre 2018 Info: http://www.hadeonband.com Risulta evidente fin dalle prime note l’adesione del combo friulano alla corrente progressive-metal, al contrario di (troppi) loro colleghi, anche illustri, gli Hadeon evitano però le esibizioni di tecnica muscolare che alla lunga […]

Evergrey: ristampe dei primi due dischi su AFM Records

The dark discovery
AFM Records, 24.11.2017
Prima edizione: Gothenburg Noiseworks, 1998
Prima ristampa: NTS, 2003
Seconda ristampa: InsideOut Music America, 2004

Solitude, dominance tragedy
AFM Records, 24.11.2017
Prima edizione: Hall of Sermon, 17.05.1999
Prima ristampa: InsideOut Music America, 2004
Seconda ristampa: NTS, 2005

Ennesima ma opportuna ristampa dei due lavori che segnarono l’esordio ufficiale del complesso guidato dal chitarrista, cantante e compositore Tom Englund. E’ il turno di AFM Records di rendere nuovamente disponibili questi dischi caratterizzati da un metal progressivo e darkeggiante, irrobustito da una marcata componente melodica alla quale gli svedesi mai rinunzieranno, nel segno di un songwriting maturo ed intrigante e di un perfetto bilanciamento fra le varie componenti che costituirà il nucleo dal quale verranno sviluppati i successivi lavori (con l’ultimo “The storm within” si contano dieci full length). All’indispensabile corredo tecnico viene fatto ricorso con attenzione, facendo sì che entrambi i lavori scorrano fluidi, senza quegli appesantimenti che minano le uscite di troppi loro colleghi, risultanti infine meri esercizi di esibizione muscolare. La voce di Englund, il riffing secco e serrato, la sezione ritmica compatta ma assai versatile, ecco gli indizi che gli Evergrey lasciano trasparire e che da li a qualche anno renderanno istituzionali. Un insieme che si lascia guidare dal main-man mostrando applicazione e disciplina, anche se di quelle prime line-up nessuno è rimasto in formazione, è la forza del collettivo che emerge. Si ascoltino episodi quali “Nosferatu”, “The Corey curse”, l’umbratile ballatona “For every tear that falls” (con la voce di Carina Englund a far pesare la sua presenza), gli evocativi cori di “Trust and betrayal” o “Closed eyes” che vede Andy LaRoque prestare la sua sei corde, la formula che verrà poi reiterata nelle opere successive è già ben delineata, con le tastiere a ritagliarsi un ruiolo importante, non di semplice contorno o supporto. Entrambe le pubblicazioni sono state sottoposte a rimasterizzazione (curata da Jacob Hansen); sono inoltre disponibili anche in formato vinile. Rinnovata pure la grafica, le due tracce aggiuntive (le versioni di “Closed eyes” su “The dark discovery” e di “To hope is to fear” su “Solitude…“, tratte dal demo del 1996 che costituisce la prima testimonianza rilasciata dal combo di Gothenburg) evidenziano il lato più oscuro e grezzo degli Evergrey. Che Englund plasmerà a proprio piacimento, come la sua lunga (ed ad oggi ancora aperta) carriera conferma.

OPHE, il video di “XVIII”


 

 

L’Avantgardish Black Metal band francese OPHE presenta la prima song tratta dal debut album “Litteras Ad Tristia Maestrum Solitude” intitolata “XVIIII“. La band lo fa attraverso un videoclip ufficiale realizzato da Adhiira Art che è disponibile su https://youtu.be/kDggmpYgByg

Litteras Ad Tristia Maestrum Solitude“, debut album degli OPHE uscirà su My Kingdom Music il 16 Febbraio ed è già stato accolto come una nuova sensazionale realtà nel Black Metal più Avantgardish e sperimentale, fissando nuovi limiti all’Extreme Metal.
Le oscure atmosfere e sonorità create da Bargnatt XIX, già chitarra e voce negli OMRÅDE, con lo schizofrenico contributo al sax da parte di Val Dorr, sono le pietre miliari di un sound che farà felici i fans di bands come DHG/Dødheimsgard, Fleurety, Blut Aus Nord, Manes, Manii, Anorexia Nervosa e Aevangelist.

Date una voce all’oscurità!

OPHE “Litteras Ad Tristia Maestrum Solitude” digiCD/digital CD – http://smarturl.it/OPHE-CD
iTunes – http://smarturl.it/OPHE-iTunes

Siti ufficiali:
– MY KINGDOM MUSIC: www.mykingdommusic.net / http://www.facebook.com/mykingdommusic.label
– OPHE: www.facebook.com/OPHEBM