“Cyclopean”, primo video tratto da “Byzantine horizons” – Crown of Autumn

I veterani del Dark Metal italiano, i  Crown of Autumn, presentano la prima traccia tratta dal loro prossimo album Byzantine Horizons. Il videoclip ufficiale di Cyclopean, girato nella splendida location di Palazzo Gonzaga Guerrieri a Volta Mantovana da Mattia Stancioiu e Nelb Rodrigues e montato da Emanuele Rastelli. Byzantine Horizons è il terzo capitolo della loro […]

Pacino: online il video del primo singolo “Out Of The Cage”

Sneakout Records & Burning Minds Music Group sono lieti di annunciare che il video di “Out Of The Cage“, primo singolo estratto dal debut album degli alternative rocker Pacino, “Fallen America“, è ora online.

Fallen America” è previsto per il rilascio il prossimo 1 Giugno 2018 via Sneakout Records / Burning Minds Music Group.

Ordina la tua copia ora: https://www.rocktemple.it/shop/4089/Pacino-Fallen%20America-

“Fallen America” tracklist:

01. Fallen America

02. Lately

03. Lifestyle

04. Desert Trip

05. Out Of The Cage

06. Iknusa

07. The Misanthrope

08. Under My Feet

Line-up:

Mattia Briggi: Voce

Francesco Bozzato: Chitarra

Bruno Zocca: Tastiere, Synth 

Douglas D’Este: Batteria

Playlist sabato 19 maggio 2018 – 827

 

Interview with Mauro Furlan (Classix/Classix Metal Magazines)
RF (singer, Afraid Of Destiny)
Warm-up
From: Silohuettes & Statues – a gothic revolution 1978 – 1986
Balaam And The Angel: Darklands (from: She knows EP/Virgin Records)
The March Violets: Crow baby (from: Rebirth 7”/Rebirth Rcords/Jungle Records)
1919: Caged (from: Caged 7”/Red Rhino Records)
Gene Loves Jezebel: Screaming for Emmalene (from: Promise/Situation Two/Beggars Banquet)
Rubella Ballet: Twister (from: At last its playtime/Ubiquitous Records)
The latest news – Albums
Afraid Of Destiny: Agony (Razed Soul Production)
Bunuel: The easy way (La Tempesta International/Goodfellas)
The lastes news – Singles
LUMP: Curse of the contemporary (from: LUMP/Dead Oceans/Goodfellas)
Wooden Shjips: Red line (from: V/Thrill Jockey/Goodfellas)
Playlist and interview
My Dying Bride: The angel and the dark river (from: Anti-diluvian chronicles/Peaceville Records)
Black Sabbath: The wizard (from: The end – The angelic sessions/BS Productions/Eagle Rock Entertainment)
Motorpsycho: Bartok of the Universe (from: The tower/Stickman Records/Psychobabble)
LUMP: Curse of the contemporary (from: LUMP/Dead Oceans/Goodfellas)

Afraid Of Destiny: Into the darkness/Hatred towards myself (from: Agony/Razed Soul Productions)
Bunuel: Happy hour (from: The easy way out/La Tempesta International)

Kayak: God on our side (from: Seventeen/InsideOut/Sony Music)
Mystery: If you see her (from: Second home – Live at ProgDreams V/Unicorn Digital)
Wooden Shjips: Red line (from: V/Thrill Jockey)
Afraid Of Destiny: Rain, scars, and the climb (from: Agony/Razed Soul Productions)
Cecilia Amici: Hello, I love you (from: Bluviola/Tide Records)
Emerson, Lake & Palmer: From the beginning (from: Trilogy/Atlantic Recording C.)

Artisti AFM Records on tour

  Armored Dawn 15.04.18 Sao Paulo (Brazil) – Folk Fair 2018 28.04.18 Recife (Brazil) – Abril Pro Rock 29.04.18 Sao Leopoldo (Brazil) – Thorhammerfest 01.05.18 Sao Paulo (Brazil) – Thorhammerfest 03.05.18 Sao Paulo (Brazil) – Tropical Butanta Asenblut 30.04.18 Leipzig (DE) – Hellraiser 12.05.18 Gelsenkirchen (DE) – Rocklobby 23.08.18 Crispendorf (DE) – Wolfszeit Festival Bonfire […]

Hadeon: Sunrise

Questa galleria contiene 1 immagine.

  Artista: Hadeon Titolo: Sunrise Etichetta: Auto-produzione Promozione: The Rock Buzz Promotion Formato: CD Data di pubblicazione. 2 dicembre 2018 Info: http://www.hadeonband.com Risulta evidente fin dalle prime note l’adesione del combo friulano alla corrente progressive-metal, al contrario di (troppi) loro colleghi, anche illustri, gli Hadeon evitano però le esibizioni di tecnica muscolare che alla lunga […]

Evergrey: ristampe dei primi due dischi su AFM Records

The dark discovery
AFM Records, 24.11.2017
Prima edizione: Gothenburg Noiseworks, 1998
Prima ristampa: NTS, 2003
Seconda ristampa: InsideOut Music America, 2004

Solitude, dominance tragedy
AFM Records, 24.11.2017
Prima edizione: Hall of Sermon, 17.05.1999
Prima ristampa: InsideOut Music America, 2004
Seconda ristampa: NTS, 2005

Ennesima ma opportuna ristampa dei due lavori che segnarono l’esordio ufficiale del complesso guidato dal chitarrista, cantante e compositore Tom Englund. E’ il turno di AFM Records di rendere nuovamente disponibili questi dischi caratterizzati da un metal progressivo e darkeggiante, irrobustito da una marcata componente melodica alla quale gli svedesi mai rinunzieranno, nel segno di un songwriting maturo ed intrigante e di un perfetto bilanciamento fra le varie componenti che costituirà il nucleo dal quale verranno sviluppati i successivi lavori (con l’ultimo “The storm within” si contano dieci full length). All’indispensabile corredo tecnico viene fatto ricorso con attenzione, facendo sì che entrambi i lavori scorrano fluidi, senza quegli appesantimenti che minano le uscite di troppi loro colleghi, risultanti infine meri esercizi di esibizione muscolare. La voce di Englund, il riffing secco e serrato, la sezione ritmica compatta ma assai versatile, ecco gli indizi che gli Evergrey lasciano trasparire e che da li a qualche anno renderanno istituzionali. Un insieme che si lascia guidare dal main-man mostrando applicazione e disciplina, anche se di quelle prime line-up nessuno è rimasto in formazione, è la forza del collettivo che emerge. Si ascoltino episodi quali “Nosferatu”, “The Corey curse”, l’umbratile ballatona “For every tear that falls” (con la voce di Carina Englund a far pesare la sua presenza), gli evocativi cori di “Trust and betrayal” o “Closed eyes” che vede Andy LaRoque prestare la sua sei corde, la formula che verrà poi reiterata nelle opere successive è già ben delineata, con le tastiere a ritagliarsi un ruiolo importante, non di semplice contorno o supporto. Entrambe le pubblicazioni sono state sottoposte a rimasterizzazione (curata da Jacob Hansen); sono inoltre disponibili anche in formato vinile. Rinnovata pure la grafica, le due tracce aggiuntive (le versioni di “Closed eyes” su “The dark discovery” e di “To hope is to fear” su “Solitude…“, tratte dal demo del 1996 che costituisce la prima testimonianza rilasciata dal combo di Gothenburg) evidenziano il lato più oscuro e grezzo degli Evergrey. Che Englund plasmerà a proprio piacimento, come la sua lunga (ed ad oggi ancora aperta) carriera conferma.