D-Storta: Un colpo di pistola

Questa galleria contiene 1 immagine.

(Nomadism Records, CD, 2011, http://www.nomadism.it, http://www.myspace.com/dstorta) Quintetto sardo che manifesta palesemente la propria adesione all’alterna made in Italy, fornendone però una personale versione fatta di ritmiche belle toste e chitarre pesanti al punto giusto (ascoltatele in coppia con i synth su “Stop & go” e segnatevi questo titolo). Se tralasciamo alcune ingenuità verbali (leggasi dei […]

News: Vietcong Pornsurfers, Splatters e Ratzmataz

Questa galleria contiene 1 immagine.

Ancora cinque date italiane per i VP, dopo quelle del settembre 2011: mercoledì 28 marzo i quattro punk’n’rollers si esibiranno allo United Club di Torino, Corso Vigevano 33/u (special guest Silver Addicition), giovedì 29 marzo al Jack The Ripper, Via Nuova 9, Roncà (VR), venerdì 30 marzo al Black Rose, Via dell’Industria 2, Acquafredda (BS), […]

InVertigo: Veritas

Questa galleria contiene 1 immagine.

(Progressive Promotion Records – CD – 2012 – http://www.progressive-promotion.de) Giunti alla loro seconda prova (segue di un paio d’anni l’esordio “Next stop vertigo”), i tedeschi InVertigo palesano una maturità compositiva ed esecutiva oramai prossima al compimento. Il neo-prog che caratterizzava le sei tracce del debut viene irrobustito dalle chitarre a tratti prossime ad ambiti heavy […]

Playlist, 17 marzo 2012 – 603

The latest news Continual Drift: Reality (Valery Records) Interferenze: Trilogy: Green fragments (Self-released) Olden: Olden (Nomadism Records) Playlist The Mission: Stay with me (from “Gods own medicine”/Mercury Rec.) The 69 Eyes: Christina death *live* (from “Hollywood kills”/EMI) Christian Death: Narcissus metamorphosis of (from “American inquisition”/Season Of Mist) Hanoi Rocks: Motorvatin’ *live* (from “All those wasted […]

Olden: Olden

Questa galleria contiene 1 immagine.

(Nomadism Records – CD – 2011 – http://www.nomadism.ithttp://www.myspace.com/oldenbeat) Ho faticato un po’ ad ambientarmi alla proposta di questo quartetto, forse perché poco aduso alla frequentazione di lidi pop che molto devono alla (mai sviluppata?) scena underground italiana, ma “Tra la terra e il cielo” m’ha davvero intrigato, con quella particolare mistura di settanta […]